Ultima modifica

  • Domenica, 15. Aprile 2018

 

Nel Parco Romano a Ruffenhofen si evitano ricostruzioni di edifici per la visualizzazione dei reperti archeologici. Questo ruolo compete alle piante. Esse visualizzano parti della edificazione antica. Così, una siepe di carpine delinea il Muro del Castello, mentre piante fiorite bianche indicano i Fossati del Castello.
Con questo concetto venivano ottenuti effetti secondari positivi per la natura : selvaggina piccola trova protezione nella erba delle baracche. Le stanghe per le poiane che demarcano le torri del Castello attirano i rapaci. Si trovano regolarmente molte cicogne nei dintorni del Parco Romano.
Importante per la vista sull’ areale complessivo è la collina panoramica vicino al Limeseum.

 

 

 

 

 

 

 

 

Facebook