Ultima modifica

  • Martedì, 10. Luglio 2018

 

Molti mercanti e artigiani seguirono l'esercito fino al Limes e si insediarono nei complessi residenziali, i cosiddetti vici. Nel castello, i soldati ricevevano solo un vitto di base e avevano bisogno di merci e alimenti diversi. Lungo le vie sorgevano delle case d'abitazione oblunghe con botteghe, locande o  laboratori. Accanto erano degli edifici pubblici come per esempio templi, stabilimenti balneari e alloggi. Fuori dai vici lungo la strada di sbocco si trovava la necropoli. Il vicus di Ruffenhofen è finora quasi inesplorato. Particolarmente mancano dei dati esatti sulla storia dell’ insediamento. Il complesso residenziale è soprattutto conosciuto per i risultati dell’archeologia aerea e la prospezione geofisica. Un tempio ed un edificio grande sono simboleggiati con piantagioni nel Parco Romano. Un grande deposito è contrassegnato con sabbia e tondi di alberi. A est della necropoli, un muro con dipinti mostra la vita quotidiana sul cimitero di quei giorni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Facebook